Archivi categoria: Politica

Nel paese di Cesare Beccaria

Partendo da uno spunto di riflessione proposto su Carta Straccia, ho deciso di sottolineare quella che è la mia idea sulle condanne e sulla giustizia. Inizio con il puntellare il discorso sul fulcro del garantismo:

«ogni persona è innocente fino a prova contraria.»

Prigione

Se viviamo in uno stato di diritto è giusto che le leggi vengano rispettate e condivise da tutti i cittadini ed è sacrosanto che i nostri rappresentanti al Parlamento della Repubblica siano persone onorevoli, visto che si sono fregiati di tale aggettivo sostantivizzato. Il cittadino dovrebbe poter scegliere in coscienza chi realmente è degno di essere il suo rappresentante alla massima istituzione democratica. L’iniziativa del comico genovese tanto noto ai più ormai da qualche mese è cosa degna di nota nella sostanza ma non nella forma. L’insulto gratuito non si confà ad una discussione politica civile sulla convenienza di candidare delle persone condannate definitivamente e quindi ritenute colpevoli di un qualche delitto da un tribunale. Tutto ciò, è bene dirlo, si deve però configurare nella situazione attuale; cioè quella che vede il cittadino impossibilitato a scegliere la persona da deputare. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Politica, Riflessioni, Società, Storia

Fenomenologia del qualunquismo

Si può seriamente pensare che il comico Beppe Grillo risolverà i problemi dell’Italia dal suo blog? Ci vuole davvero un comico per smuovere le coscienze politiche della gente? Io mi chiedo se chi si avvicina a lui e lo segue come leader di un partito virtuale o civico può sentirsi a tutti gli effetti rappresentato ed essere orgoglioso del fatto che ci sia voluto proprio lui per spingerlo all’impegno sociale. Magari ci si dimentica che nella nostra storia ci sono state persone come Cavour, Mazzini, Giolitti, De Gasperi, ecc.
La lista è lunga ma nessuno se lo ricorda davvero perché bisogna far spettacolo e dire le cose in maniera da far ridere o piangere per interessare davvero la gente.

Lavaggio del cervello
Spot e slogan martellanti

Se uno davvero vuol cambiare le cose si impegna politicamente in prima persona o vota almeno in maniera da costruire un cambiamento della situazione, se la situazione non gli piace. Partecipando attivamente alla politica nazionale o locale si può benissimo essere una bandiera di cambiamento col proprio operato, anche in un partito del 30 o 40%. Bisogna svegliare il torpore mentale in cui ci si ritrova per ozio o pigrizia e dire le cose che si pensano facendo valere le proprie opinioni. Questo non deve per forza avvenire in maniera semplice e con un vaffanculo ma potrebbe anche richiedere un grande sforzo personale.

Con questo non dico che Grillo non dica sempre delle cose giuste. Il fatto è che si procede verso una deriva qualunquista che porta a dire:

«Qualunque cosa fa schifo. Qualunque persona che cerchi di sistemare tal cosa fa schifo. Qualunque politico fa schifo. Qualunque qualunque è qualunque in qualche modo.»

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Politica, Riflessioni, Satira, Società, Tempo

L’istrionismo di Silvana Grasso, assessore alla Cultura di Catania

Molti pensano che la Grasso sia una squilibrata. Ecco perché io non la vedo così, anzi al contrario.

Tutte le uscite della Grasso sono seguite dalla Stampa e dal pubblico, merito indiscusso del suo fare istrionico e particolarissimo e della sua abilità nel recitare. Si vede facilmente, infatti, che l’assessore alla Cultura e alle Belle Arti utilizza ogni mezzo, usuale ed inusuale, per attrarre il pubblico e la cittadinanza ad interessarsi ai problemi che altrimenti languirebbero dimenticati tra le scartoffie comunali di un assessorato che conta migliaia di opere d’arte, a volte anche trafugate o indebitamente vendute.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Politica, Riflessioni, Società

È vero o non è vero?

Di Pietro molte volte dice le cose come stanno, anche se la verità non sempre fa comodo ai presenti o agli assenti. In questo breve video c’è un duello verbale tra Vespa e Di Pietro per una questione morale. Spesso si è letto sui giornali un qualche sputtanamento del potente e/o del politico, come del cittadino comune invischiato in qualche indagine più grande di lui. Questo ha portato ad un’ondata di accuse e processi a mezzo stampa difficilmente negabile.

L’informazione è un diritto e così anche la garanzia del cittadino e della sua colpevolezza o innocenza. Schierarsi da una parte non è sempre facile e comporta una difficile riflessione, che non sempre porta ad una decisione netta. Di Pietro qui dice delle cose innegabili, affermando le sue idee come ognuno dovrebbe fare se davvero crede in qualcosa. La giustizia è tale se è uguale per tutti e se non si tenta sempre e solo di fare lo scarica barile a destra e a manca.

Quello che molti tirano in ballo è il fatto che Vespa faccia i propri interessi. Ebbene, anche Di Pietro li fa difendendo i magistrati, i quali sono i suoi primi elettori. Purtroppo questa è la realtà e bisogna dirla. Ognuno fa sempre il suo interesse in un modo o in un altro, così va il mondo da sempre e così sempre andrà. Si possono enumerare solo rari casi in cui si fanno o dicono delle cose andando a proprio totale discapito.

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in Politica, Riflessioni

Pecoraro Scanio, ti prego, vai a casa…

I verdi ci hanno paradossalmente portato ad un incremento dell’inquinamento. Se tu vuoi a tutti i costi preservare la natura alla fine ti ritrovi con delle contraddizioni evidenti perché il progresso non lo fermi neanche con le bombe. L’uomo per sua natura vuole progredire e di conseguenza consuma risorse e produce scarti e rifiuti. E’ molto semplice, ma purtroppo non per il nostro onorevole Ministro.

Il bello è che da Vespa ha fatto una figura bruttissima. I cittadini sono stupidi nella maggioranza dei casi e il politichese li fa calmare e zittire, ma quando vivi nella spazzatura e hai il cancro che ti fa l’occhiolino il tuo istinto primordiale riemerge e anche se hai di fronte il ministro gliene dici di ogni e anche di più. Lo stesso teatrino indegno è avvenuto anche a primopiano del TG3. Bello no?
Bassolino non si dimette dopo 14 anni di niente e milioni di euro spesi, perché? Pecoraro ci fa perdere tutti i treni, anche letteralmente con la TAV, spazza via il ponte di Messina e non fa aprire discariche e inceneritori in Sicilia. Dimettersi nemmeno con le bombe e decisioni zero o forse qualcuna solo quando siamo nella spazzatura. Il quadretto è indegno.

Il ministro della Pace invia l’esercito sul territorio, mi sembra una cosa un pò strana. Il ministro dell’ambiente, sempre quello di prima, ci riempie di pannelli FV a costi stellari e non ci annette alla rete TAV. Sempre il Pecoraro Scanio ci mostra lo spauracchio del nucleare quando è ai confini dell’Italia, in Francia e in Slovenia.

Risorse

Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare
Ministro: Alfonso Pecoraro Scanio
Sottosegretari: Gianni Piatti, Bruno Dettori, Laura Marchetti

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Benzina alle stelle, conviene comprare auto a GPL

Ma dico ma siamo pazzi? Ma come diavolo bisogna andare avanti così? Siamo all’assurdo. Il diesel è arrivato a quota 1,327 € alla pompa di benzina, mentre la benzina 1,397. Nel 2009, continuando così, arriveremo a 1,400 € al litro. Bisogna che i consumatori si mobilitino per far capire allo stato che deve porre rimedio, bisogna colpire i petrolieri e le grandi compagnie cercando di portare avanti le nostre.
Ad ogni occasione si vedono scioperi di benzinai che puntualmente ci causano uno stress immane e nessuno fa nulla. Adesso dovremmo essere proprio noi a boicottare questi ladri.

Lascia un commento

Archiviato in Politica

Firma contro la linea d’abbigliamento ROMJeans

E’ semplicemente scandaloso che venga prodotta della merce e si faccia del lucro sul dolore della povera gente che soffre per la perdita di una persona cara. Non si ha più cura per il significato della vita. Tutto ciò è sintomo di una continua discesa dell’umanità verso l’abisso della coscienza e della morale.

Firma anche tu: http://www.petitiononline.com/07101977/petition.html

Lascia un commento

Archiviato in Politica