Archivi categoria: Musica

L’Aura melodica italiana internazionale

Adesso si può. Cosa? Non vedere il festivàl e starsene buoni buoni sul blog attendendo che il blogger più paziente metta un giudizio con annesso video della canzone appena apparsa che più piace. Ecco come si può allora venire a fare la felice conoscenza di L’Aura. 😀

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Musica

Elvis

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

In questi giorni sto ascoltando assiduamente le canzoni del Re del Rock e devo dire che più lo ascolto più mi piace. Il rock mi è sempre piaciuto particolarmente e il suo Re è ancora a pieno titolo Elvis.
Elvis ha davvero cambiato il mondo della musica unendo elementi musicali diversi e apparentemente lontani e io per questo lo ringrazio dal più profondo del cuore. Amo il rock.
Elvis era appassionato di una estesa gamma di generi musicali. Tra le sue influenze c’erano le ballate pop e la musica country dei suoi giorni, la musica gospel che aveva ascoltato in chiesa e partecipando a tante funzioni che spesso duravano tutta la notte, e il R&B nero che aveva assorbito da giovane frequentando Beale Street, la storica strada di Memphis. Egli voleva trasformare quelle influenze in qualcosa di suo. Nessuno poteva prevedere il successo che avrebbe ottenuto e quanto profondamente avrebbe segnato la musica e la società. Elvis ha messo sullo stesso piano diverse influenze musicali, creando un suono e uno stile che non avevano precedenti. In questa evoluzione è diventato la prima vera icona del Rock & Roll, elaborando un suono davvero unico, lo stesso che è diventato quello di una nuova generazione.
Iniziò con il mischiare il country e l’R&B e continuò mescolando generi che fino ad allora erano rimasti separati. Elvis, pur criticato per aver cambiato radicalmente il pop e il country di quei giorni, aveva aperto la strada all’arrivo di un nuovo stile musicale, che il mondo avrebbe conosciuto con il nome di rock & roll.
Dal 1956 per il pubblico, Elvis era una stella, il leader della scena rock & roll. Questo genere trovò una nuova casa presso la RCA, l’etichetta per la quale aveva cominciato a registrare proprio in quell’anno. Con la pubblicazione di Hound Dog (1956) Elvis confermò che il rock & roll era il suono più innovativo di quel periodo. Tuttavia, in quel primo anno di lavoro per la RCA, non tutte le registrazioni di Elvis furono legate al rock & roll. L’artista infatti continuò ad incidere canzoni che presentavano tutti gli stili che colpivano la sua immaginazione, dal pop al R&b, al gospel. Il suo primo album per la RCA – Elvis Presley – rimase al primo posto della classifica statunitense per dieci settimane, diventando l’album pop più venduto di tutti i tempi. Inoltre i suoi singoli rimasero al vertice della classifica per ventiquattro settimane. Nel 1956 Elvis ebbe in tutto dieci singoli di diversi generi contemporaneamente nella Top 100. Comunque fu il rock & roll che gli procurò successi e critiche.

Elvis fu definito libidonoso, ribelle e pericoloso (per me era semplicemente rock ;-).

Elvis non è mai morto.

Lascia un commento

Archiviato in Musica

La sottile linea bianca

AfterhoursOra che sei vera
sai la verità
siamo vivi per usarci

usa l’amore
su di te muore
usa il sapore
su di te muore
usami amore
usami o muori

sarai sempre sola
ora che mi hai
e che il pianto tuo incendia

bianco calore
scalda il mio amore
bianco calore
sfondami il cuore
bianco il mio dio
ciò che è mio è tuo

saprai sola
sporca sposa
sarà sul tuo grembo
rabbia e lava
come

bianco calore
usa il mio amore
bianco il calore
sfondami il cuore
bianco calore
usa il mio amore
bianco il mio dio
ciò che è mio è tuo

The thin white line

What’s your secret weapon?
Will it set us free
Fully free to use each other?

Holy thin white curse
Use my love, it’syours
Holy thin white curse
Use my soul, it’s yours
Holy thin white curse
What is mine is yours

Baby chase your limits
And you’ll be alone
But your tears
They’ll get me higher

Turn me on white curse
Use my love, it’s yours
Turn me on white curse
Use my soul, it’s yours
Turn me on white curse
What is mine is yours

Sacred, lonely, dirty consort
Spread out on your lap
Snowhite blades as bridesmaids

Turn me on white curse
Use my love, it’s yours
Turn me on white curse
Use my soul, it’s yours
Turn me on white curse
What is mine is yours

Lascia un commento

Archiviato in Musica

Franco Battiato – Mal d’Africa

Mal D’Africabattiato

Dopo pranzo si andava a riposare
cullati dalle zanzariere e dai rumori di cucina;
dalle finestre un po’ socchiuse spiragli contro il soffitto,
e qualche cosa di astratto si impossessava di me.
Sentivo parlare piano per non disturbare,
ed era come un mal d’Africa, mal d’Africa.
Saturday night I’m a dreamer,
I can’t live without you
on my own, lies a photograph,
please come back and stand by me.
Con le sedie seduti per la strada,
pantaloncini e canottiere, col caldo che faceva.
Da una finestra di ringhiera mio padre si pettinava;
I’odore di brillantina si impossessava di me.
Piacere di stare insieme solo per criticare
ed era come un mal d’Africa, mal d’Africa.

Lascia un commento

Archiviato in Musica, Poesia